Moonfog Productions
(Hellvis - Marzo 2004)


La Moonfog Productions è l'etichetta discografica di Satyr dei Satyricon. Dal 1992, anno della sua fondazione, ad oggi molte cose sono cambiate nella scena black norvegese. Eppure la Moonfog ha mantenuto la saldezza e la coerenza che da sempre l'hanno contraddistinta. Attraverso dischi quali "Panzerfaust, "Nemesis Divina", "Nordavind", ecc. questa label ha fatto la sua parte nella storia del black. Proprio per questo noi di Shapeless abbiamo deciso di dedicargli quest'intervista.
Avrei voluto intervistare Satyr ma i suoi svariati impegni non l'hanno reso possibile. In compenso, l'italianissima Patrizia Mazzuoccolo, addetta stampa e promozione della Moonfog nonché giornalista di Metal Hammer UK, si è offerta di rispondere alle nostre domande via e-mail. Cerchiamo di scoprire qualcosa di più su quest'etichetta e sulle sue prossime pubblicazioni.



Ciao Patrizia. Presentati ai lettori di Shapeless!
Allora, sono originariamente di Milano ma ho vissuto a Londra dal 1988, un po' per imparare l'inglese e un po' per suonare la batteria in gruppi rock. Nonostante abbia smesso di suonare, mi considero ancora una 'drum nerd' e infatti scrivo anche per il giornale inglese di batteria, Rhythm. Sono capitata qui a Oslo quasi per sbaglio perche' Metal Hammer UK, per il quale scrivo da oltre otto anni, mi mando' a recensire un concerto dei Cadaver, Nocturnal Breed, Zyklon e Blood Red Throne alla fine del 2002 e poi mi rimandarono a Oslo in gennaio per fare un reportage del kick-off party dell'Inferno Festival. Li' venni a sapere che la Moonfog non riusciva a trovare un 'addetto alla stampa e promozione' e siccome avevo gia' fatto un lavoretto non-ufficiale per il gruppo svedese Pain in Gran Bretagna l'anno prima, mandai il mio CV a Satyr che mi invito' a un colloquio e iniziai a lavorare alla Moonfog esattamente il 3 febbraio 2003 sull'uscita "Hate Them" dei DarkThrone. Ovviamente, non scrivo articoli su NESSUN artista della Moonfog per una questione di etica professionale. Purtroppo, perche' vorrei tanto scrivere un articolo sui Thorns. Spero non ti aspettassi una risposta del tipo 'Mi chiamo Patrizia e lavoro per la Moonfog.' haha...

Dopo quasi dodici anni di attività, pensi che Satyr possa ritenersi soddisfatto dei risultati raggiunti dalla sua Moonfog?
Prima di tutto devo dire che dal mio punto di vista di giornalista che ha vissuto e lavorato a Londra, la Moonfog ha sempre avuto una reputazione prestigiosa nonostante fosse una casa discografica indipendente. Cioe', quando la Moonfog ha un disco in uscita ti conviene ascoltarlo perche' non succede frequentemente e la ragione principale e' che Satyr e' piu' interessato alla qualita' che non alla quantita' di uscite. Satyr puo' essere solamente soddisfatto con quello che ha raggiunto la Moonfog.

La Moonfog ha sempre puntato su una costante evoluzione del black metal pur mantenendo salde le radici del genere. E' cambiato qualcosa negli ultimi anni o l'atteggiamento della label è sempre lo stesso?
No, guarda, non mi sembra sia cambiato molto e se vogliamo parlare di questo matrimonio tra old school e evoluzione del sound (sempre con qualita') dobbiamo solamente puntare il dito all'ultimo gruppo che la Moonfog ha lanciato, i Disiplin. Allora, hanno firmato il contratto a maggio dell'anno scorso e una settimana dopo avevano questo concerto al NYX, un locale molto intimo a Oslo. Era un concerto che i ragazzi avevano organizzato prima di firmare il contratto e di conseguenza non interamente in connessione con la Moonfog. La line-up consisteva di General K, Krig e Nex con session bassista, Cosmocrator (adesso con i Mindgrinder) e mi sono entusiasmata subito dopo la prima canzone. Persino Samoth, che era accanto a me durante il concerto, mi sussurro' "I should have signed them myself!" haha...

Disiplin è l'ultima band lanciata dalla Moonfog. Quali sono i motivi, secondo te, che hanno spinto Satyr a mettere sotto contratto questo gruppo? L'album di esordio di General K. e soci sta avendo buoni riscontri?
Si, vedi sopra a riguardo i Disiplin. Devo ammettere che l'album sta andando molto bene per un gruppo totalmente nuovo. Sono occupatissima non tanto a ispirare la gente ad ascoltarlo ma ad organizzare tutte queste interviste con la stampa e radio in tutta Europa, in America e in Australia. Dalla prima volta che li ho visti dal vivo, sapevo dentro di me che il gruppo era fenomenale e quindi mi fa moltissimo piacere vedere che non sono l'unica ad avere questa opinione.

Cosa ci puoi dire del nuovo album dei DHG? Pensi che ricalcherà in parte l'ultimo "International 666" o sarà qualcosa di nuovo? Si conosce già più o meno la sua data di pubblicazione?
Ho parlato ultimamente con Mr Fixit, e mi ha confermato che il prossimo album sara' piu' un 'team effort' del gruppo che non un viaggio nel suo ego scatenato haha. La cosa interessante e' che sara' un miscuglio del geniale "Satanic Art" e della pazzia di "666 International". Ok, come voi, anch'io non vedo l'ora di sentirlo! E non vedo l'ora di vederli suonare dal vivo che sicuramente accadra' una volta che il nuovo album sia pronto...

Riguardo ai DarkThrone, so che avevano in programma un nuovo album. Il progetto è ancora in piedi o è saltato tutto? Ora che il sito della band è bloccato, non è facile avere notizie su di loro.
DarkThrone e' un gruppo stupendo con il quale lavorare perche' sia Nocturno Culto e sia Fenriz sono individui estremamente genuini e professionali e cio' che dicono, fanno. Vanno in sala di registrazione la prima settimana di aprile. Il titolo, se non lo cambiano all'ultimo momento, dovrebbe essere "Sardonic Wrath" e una delle canzoni e' intitolata "Straightening Sharks In Heaven" che significa 'allineare squali in paradiso'... lascio a te il compito di chiedere direttamente a Fenriz il significato quando uscira' l'album (probabilmente a settembre). E' molto spiritoso ma allo stesso tempo interessante...

Ci puoi confermare la presenza di Nocturno Culto nei Satyricon al prossimo Wacken? Suoneranno anche delle canzoni dei DarkThrone?
Certamente. I Satyricon sono gli headliner il sabato 7 agosto e Nocturno Culto ringhiera' con loro per una mezz'oretta. Questa e' l'ultima volta che i due gruppi faranno un concerto insieme ma NON e' assolutamente l'ultimo concerto dal vivo dei Satyricon (come e' stato erroneamente comunicato sul sito ufficiale del festival).

Gli Eibon sono l'oggetto misterioso della Moonfog. Pensi che prima o poi uscirà un loro album o probabilmente non se ne farà più nulla?
Per ora Satyr e' troppo impegnato con il lancio di "Volcano" in America (6 aprile 2004) sulla label di Daron Malakyan dei System Of A Down (EatUrMusic) che sara' distribuito attraverso la Sony con conseguente tournee' con i Morbid Angel negli Stati Uniti. La tournee' inizia il 13 aprile e dura fino a meta' maggio. D'altro canto, Phil e' impegnato con i Superjoint Ritual quindi bisognera' vedere cosa succede. Mai dire mai, comunque...

Cosa ci puoi dire delle altre band della Moonfog? Qualche novità in vista?
Allora, i Gehenna sono in studio e dovrebbero finalizzare un altro album entro la fine dell'anno. Il nuovo disco dei Thorns e' attualmente in progresso. Infatti, Snorre (Ruch) e' impegnatissimo a comporre il nuovo materiale ed essendo un perfezionista, non uscira' quest'anno. Personalmente, non vedo l'ora perche' sara' un qualcosa di eccezionale. Snorre compone musica di altissima qualita' e originalita' e per le cose fatte come si deve, bisogna dare il tempo al tempo.

Qual è il punto di vista della Moonfog nei confronti delle webzine amatoriali come Shapeless? Retorica a parte, siete convinti delle loro potenzialità? O preferite pubblicizzarvi su carta stampata e televisione?
Per dirti la verita', a parte un paio di eccezioni, non e' che ci sia tanta possibilita' di usufruire del binario televisivo per fare promozione ad artisti black metal. Le riviste musicali sono sempre un PLUS perche' i veri fan del black metal sono collezionisti e preferiscono possedere la copia fisica del giornale. Da un punto di vista commerciale, la stampa tradizionale e le radio specializzate sono i metodi piu' efficaci per impressionare i negozi di dischi. Cosi' si rendono conto che black metal non e' piu' un tipo di musica segregata all'underground piu' oscuro. Sicuramente gli hardcore fan di questo genere odieranno questo fatto pero' e' il solo modo in cui posso giustificare la mia posizione. Non lavoro qui per tenere celate le uscite o notizie pertinenti agli artisti Moonfog. Il mio ruolo e' di ispirare i vari giornalisti ad ascoltare le nuove uscite, organizzare interviste e di comunicare notizie che hanno a che fare con le varie uscite, anche attraverso il sito ufficiale della Moonfog. Il tutto, comunque e' per fare in modo che i fan siano messi a conoscenza delle nostre uscite, siano in grado di ascoltarle e decidere se comprare un nuovo disco o no. E' importante comunicare in modo corretto, per quanto ci sono delle regole da rispettare. Per farti un esempio estremo, il tipo di marketing connesso a un'uscita dei DarkThrone e' diverso da quello usato dalla Zomba per il nuovo disco della Britney Spears... Il tipo d'integrita' musicale che tutti i gruppi della Moonfog possiedono e' da prendere in seria considerazione prima di richiedere un'intervista con o accettare una richiesta da una certa rivista o programma radio / televisivo... come dicono in inglese 'It's a challenge!'. Allo stesso tempo, credo che le webzine siano il modo piu' immediato e underground di communicare certe notizie al pubblico e di conseguenza mantengo sempre una fetta di tempo dei nostri artisti per questo media di comunicazione.

L'intervista è conclusa, ti ringrazio per le risposte. Se vuoi ancora aggiungere qualcosa, sei libera di farlo!
Cosa vuoi che dica, 'long live (real) metal'? No, grazie. Preferisco lasciare l'onore di dire certe idiozie ai Manowar hehe...


Contatti:
Moonfog Productions
St.Halvardsgt. 33C, 3 etg.
0192 Oslo
NORWAY
Mail: moonfog@online.no
Sito internet: http://www.moonfog.no/